MANON LESCAUT di Puccini: quale INTERMEZZO?

Una carrellata di interpretazioni dell’Intermezzo sublime della Manon Lescaut di Puccini… Quale sarà il migliore (secondo me, ovviamente!)???

Io voglio sentire l’affondo degli archi, l’arpa, i piano e i pianissimo, i crescendo adeguati, il CUORE e tutto il resto…

A ciascuno un mio personale commento. Seguitemi! FOLLOW ME!

Iniziamo con GINO MARINUZZI…Frammentario, a ondate…VOTO: 6 1/2

ARTURO TOSCANINI: troppo forte, percussioni martellanti, e troppo veloce… VOTO 7

HERBERT VON KARAJAN: troppo sinfonico, ci va liscio, ci mette dentro anche Wagner, ma ha gli archi pazzeschi di un’orchestra pazzesca, i Wiener…VOTO 8

Sir JOHN BARBIROLLI: a sopresa si piazza a meraviglia, con dinamiche esemplari! VOTO 9

FRANCESCO MOLINARI PRADELLI: magnifico nei crescendo, ma non affonda abbastanza. VOTO: 9 1/2

TULLIO SERAFIN: PERFETTO! Meravigliosamente dentro anche al resto dell’opera, c’è TUTTO! L’Orchestra è quella della Scala. VOTO 10 e lode.

Ma..i contemporanei? Ai posteri l’ardua sentenza…

 

 

 

Annunci